fbpx

In tempo di CoViD-19 è necessario domandarsi se i nostri bambini, ragazzi e adulti hanno bisogno di qualche motivo in più, rispetto a quelli che tutti noi abbiamo, per tenere lontano il contagio.

Abbiamo quindi chiesto al Dr Stefano Stagi, endocrinologo del Meyer, di darci un’opinione in proposito, rispetto alle co-morbilità.

Queste le raccomandazioni di Massimo Chessa, responsabile dell’unità di Cardiologia dei Congeniti Adulti all’IRCCS Policlinico San Donato
per coloro che soffrono di cardiopatie congenite.

Suggeriamo inoltre di leggere quanto scritto dalla SIDiN (Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo) in collaborazione con alcuni enti e Associazioni. Il testo è sulla gestione del CoViD-19 e dei fattori di distress psichico associati per le persone con disabilità intellettiva e autismo, con necessità elevata o molto elevata di supporto (Scudo al COVID-19 per PcDI).

Anfass ha messo a punto un vademecum in 10 punti in linguaggio semplificato da far leggere ai nostri figli: qui la guida.

In generale, per tutti gli aggiornamenti, vi suggeriamo di seguire la pagina di Uniamo, dove sono riportate anche misure sociali oltre a tutti i vari decreti governativi.